Domotica e sicurezza domestica, una efficace alleanza

La domotica consente di accedere a vari elementi di controllo della casa da un dispositivo mobile, in qualsiasi parte del mondo, con una semplice connessione ad internet.

La casa domotica per eccellenza è uno spazio in cui quasi tutto – luci, elettrodomestici, prese elettriche, riscaldamento e raffreddamento e sistemi di sicurezza – è collegato a una rete controllabile a distanza o tramite automatismi.

domotica-sicurezza-domestica

Dal punto di vista della sicurezza domestica, però, ciò si traduce in un potenziale estremamente vantaggioso per il padrone di casa: si include infatti anche il sistema di allarme, oltre al monitoraggio di tutte le porte, finestre, serrature, rilevatori di fumo, telecamere di sorveglianza e eventuali altri sensori che sono collegati all’impianto.

L’automazione dei sistemi domotici, quindi, permette di programmare e pianificare gli eventi per tutti questi dispositivi, che vengono connessi in rete.

La programmazione può includere i comandi relativi al tempo, che per esempio permettono di accendere o spegnere le luci in momenti diversi della giornata. Oppure è possibile anche prevedere reazioni specifiche del sistema ad eventi imprevisti: accendere tutte le luci in casa quando il sistema di allarme è innescato o ha rilevato dei movimenti sospetti.

Le applicazioni sono praticamente illimitate e possono adattarsi alle varie esigenze, anche se è sempre bene rivolgersi a degli esperti o a delle imprese specializzate nella sicurezza per valutare con attenzione i casi specifici.

Il concetto base è quello di integrare il sistema domotico con alcuni sensori affinché monitori l’attività dentro e intorno alla casa: i più importanti possono essere quelli a contatto, disposti su porte e finestre, in modo da mantenere il sistema allertato per qualsiasi evento in quei punti di ingresso.

Ogni volta che la centralina rileva l’attività da uno dei sensori, se il proprietario della casa è via o durante le ore notturne, viene emessa una sequenza di comunicazioni e attività che controllano specifiche azioni: viene inoltrata una chiamata al servizio di sicurezza o alla centrale di polizia, si attivano dei lampeggianti per attirare l’attenzione e spaventare l’intruso, possono essere inviati messaggi di testo che allertino il proprietario o collegarlo direttamente con delle telecamere IP che mostrino cosa sta succedendo e registrino tutto per raccogliere documentazione.

È anche possibile montare delle speciali serrature automatizzate che si chiudono a comando della centralina o addirittura integrare il sistema con impianto audio che si attivi in casa per intimorire un ospite indesiderato e attirare l’attenzione.