Porte blindate e antiscasso: le nozioni fondamentali

Uno degli elementi cruciali della sicurezza domestica è certamente la porta d’ingresso: ecco la ragione del grande successo delle porte blindate.

L’idea che dovrebbe accompagnare la scelta di una porta è quella che si affianca, in genere, alla scelta di qualsiasi antifurto elettronico. Il suo scopo non è soltanto resistere all’aggressione, ma soprattutto scoraggiare il ladro dal suo proposito, perché l’azione si rivelerebbe più complessa del previsto.

Esistono oggi moltissime versioni e modelli di porte a prova di intrusione e la scelta può essere ardua. È quindi bene ricordare subito che maniglie, spioncini, colori e soluzioni di design sono e restano interamente una questione di preferenze personali e non influenzano la sicurezza della struttura. Ciò che invece ha un rilievo nell’ambito che qui ci interessa, sono le soluzioni costruttive, la tecnologia di base, i materiali utilizzati, e soprattutto la tipologia degli elementi chiave: serratura cilindro di sicurezza, lamiere interne ed esterne, le zanche in muratura ed i montanti di rinforzo.

porta-blindata

Il primo passo per garantire la massima sicurezza offerta da una porta antiscasso viene fatto durante l’installazione. In questa fase è fondamentale tenere presente la dinamica funzionale della porta. Questa, infatti, va fissata saldamente al muro attraverso il telaio – ed è qui che entrano in gioco le zanche, che vengono cementate all’interno del muro stesso. Tutto quanto è però inutile se la muratura stessa, che dovrà ospitare la porta, è poco resistente. In questo caso è utile procedere al consolidamento attraverso l’inserimento in parete di iniezioni cementizie o, in alternativa, di un rinforzo in acciaio sotto l’intonaco a cui viene connesso il telaio della porta.

Tutte le porte hanno però alcuni elementi deboli che, a seconda della fascia di prezzo, possono essere più o meno pronunciati, e quasi sempre coincidono con le parti meccaniche delicate: si tratta di cilindro e serratura.

Anche questi, evidentemente, vanno dotati di tecnologia antiscasso: per verificarne la validità potete innanzitutto richiedere la certificazione europea che per legge deve accompagnare tali meccanismi.

Infine, bisogna sempre ricordarsi che non esiste una porta antiscasso efficace in misura assoluta. Questo è vero se si pensa che più del 20% delle intrusioni in appartamento avviene perché gli ingressi sono stati dimenticati aperti o perché, magari, affianco ad una porta blindata si trova una finestra priva di alcuna protezione.

Un efficace sistema antiscasso, quindi, deve necessariamente tenere conto anche degli errori umani e della disposizione generale dei vari elementi di contorno.